IL MENU DELLA SETTIMANA - BLOG - UNA NUTRIZIONISTA PER AMICA

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL MENU DELLA SETTIMANA

Pubblicato da in BUONE ABITUDINI ·
Uno dei temi più ostici, una volta tornati dalle vacanze e ripresi il lavoro, la scuola e le attività di sempre, è l’organizzazione del menu settimanale.

Per questo ho pensato di parlarvene proprio ora: vorrei aiutarvi a scoprirne tutti i vantaggi, così da rendervi questa gestione oltre che utile anche piacevole.

Pianificare il menu della settimana potrebbe essere considerato a prima vista un tema complesso, ma in realtà non lo è e come per tutte le cose è solo una questione di abitudine….azzarderei che, con il tempo, potrebbe anche diventare divertente!

Lo scopo di questo post è quello di valutare tutti i vantaggi di che questo tipo di programmazione. Primo fra tutti meno stress, parola inflazionata ma che rende bene il concetto: organizzare i pasti a volte esaurisce le nostre energie! Occuparsi della famiglia non è cosa da sottovalutare soprattutto se ci sono dei bambini e se ad occuparsene è una mamma che lavora anche fuori casa.

Quando siamo seduti a tavola a mangiare, spesso stiamo già pensando al pasto successivo, senza avere grandi idee. Può sembrare una piccola cosa, ma già da sola è fonte di grande stress e per quanto possa sembrarvi impossibile, l’unico modo per evitarla è proprio programmare la vostra settimana.

Il giorno in cui dovrete impegnarvi un po’ di più sarà solo uno, tutti gli altri saranno tranquilli e ben organizzati. Avrete più tempo da dedicare a voi stesse, ai vostri interessi o più semplicemente proprio ai pasti in famiglia, che a quel punto non saranno più fonte di stress.

Un altro vantaggio è l’ottimizzazione, perché una volta deciso cosa acquistare, il tempo che passerete al supermercato sarà indubbiamente di meno e la vostra spesa più mirata: invece di prendere mezzo negozio, comprerete solo ciò che vi serve davvero.

Pianificare il menu settimanale, vi permetterà anche di variare la vostra alimentazione, di stimolare la vostra fantasia per proporre piatti diversi e bilanciare al meglio i pasti. In più, potrete preparare in anticipo tutti quegli alimenti che si prestano ad essere conservati anche 3 - 4 giorni nel frigorifero come i cereali in chicco, i legumi e le verdure oppure congelarne alcuni. La spesa programmata vi permetterà anche di non avere sprechi e quindi risparmiare!

Il primo step può sembrarvi il più difficile ma come dicevo prima, abituarsi sarà un gioco da ragazzi, bisogna solo capire il modo migliore per organizzarsi ed utilizzare gli strumenti giusti.

Per prima cosa fate affidamento alle linea guida per una sana alimentazione, considerando di preferire i carboidrati complessi – come orzo, farro, quinoa, grano saraceno – di consumare carne per un massimo di 5 volte a settimana - prediligendo quella bianca - di mangiare pesce per almeno 3 volte, di limitare formaggi ed affettati a 2-3 volte a settimana l’uno, e di mangiare 2 uova a settimana. Il tutto senza dimenticare le 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura.

Fatto questo, scegliete le ricette a seconda dei vostri gusti cercando di variarle il più possibile, limitando così la monotonia dei vostri pasti. Potete usare delle riviste di cucina, Pinterest, oppure delle app per cellulare, che danno anche la possibilità di partire dagli ingredienti per trovare una ricetta.

Perché possiate tenere traccia dei vari menu settimanali, così da ricordare quello che vi è piaciuto di più oppure quello che è stato più facile preparare, potete usare un quaderno dedicato o ancor meglio il metodo del bullet journal, magari dedicandone uno proprio solo all’organizzazione dei pasti! Su Pinterest, potete trovare un sacco di idee e anche dei menu planner stampabili.

Potreste anche pensare di appendere una lavagna in cucina (io ne ho una adesiva, sul frigo, per segnare le scadenze) e scriverci sopra il menu così che sia visibile a tutta la famiglia e chi vorrà, potrà partecipare proponendo una ricetta. Tutti si sentirebbero più coinvolti e voi di sicuro meno sole. Sarebbe un bel “progetto familiare”, cosa ne dite?

Ricapitolando, è fondamentale che voi dedichiate un giorno a selezionare i pasti, cioè a decidere quali pasti organizzare: solo i due pasti principali – pranzo e cena - o includere anche colazione e spuntini.

A mio avviso colazione e spuntini sono più semplici da organizzare, non avendo bisogno di cottura e/o di lunghe preparazioni. Al limite per la colazione potete preparare dei pancakes da congelare o una torta che si conserva per 3 - 4 giorni. Per gli spuntini, frutta fresca, frutta secca, yogurt sono sempre a disposizione, quindi ancora più facili da programmare. Ognuno di noi è giusto che si  organizzi a seconda delle proprie abitudini , quindi a voi la scelta dei pasti da selezionare settimanalmente!

Una volta scelti i pasti dovrete pensare a come cucinarli, quindi cercare le ricette, se già non ne avete di vostre. A me piace un sacco prendere ispirazione da Pinterest! Fatto questo dovrete acquistare tutto l’occorrente e quindi cucinare e conservare (di questo vi parlerò in un prossimo articolo) tutti quei piatti che si possono preparare in anticipo.

Questo sistema così semplice vi aiuterà a stare meglio con voi stesse e con gli altri. Non solo mangerete meglio, ma sarete anche meno appesantite emotivamente e vi sentirete più in forma fisicamente. In pratica non potrete più farne a meno! Inizialmente avrete sicuramente bisogno di prendere confidenza con questa nuova gestione ma, vi garantisco che non ne rimarrete deluse.

Ovviamente essere costanti è fondamentale. Come fare per riuscirci? Pensare unicamente ai vantaggi che ne otterrete e il gioco è fatto!



Torna ai contenuti | Torna al menu