MAGNESIO & STRESS - BLOG - UNA NUTRIZIONISTA PER AMICA

Vai ai contenuti

Menu principale:

MAGNESIO & STRESS

Pubblicato da in SALUTE & BELLEZZA ·
Oggigiorno siamo un po’ tutti stressati, siamo assorbiti dal lavoro, dai periodi faticosi a cui non possiamo sottrarci, la famiglia richiede tutta la nostra energia insomma la vita ci sottopone a continue sfide ed ecco che spesso percepiamo tutti questi compiti come eccessivi.
 
Quando questo accade la risposta psicofisica che l’organismo mette in atto è lo stress che se eccessivo può anche portare numerosi disturbi. La valutazione è del tutto individuale, nel senso che un evento stressante per qualcuno potrebbe non esserlo per altri anche se esistono alcuni elementi che sono tipicamente stressanti per la maggior parte delle persone.
Ci sono grandi eventi della vita che possono risultare stressanti anche se sono positivi come il matrimonio, la nascita di un figlio o una nuova opportunità lavorativa o quelli chiaramente stressanti poiché negativi come la perdita di un proprio caro, una separazione o periodi di cambiamento come il pensionamento.

Si sentì parlare di stress per la prima volta, agli inizi del 900, dal fisiologo Walter Bradford Cannon che già allora riuscì a collegarlo ad una delle principali sintomatologie con cui si manifesta, a livello gastrointestinale. Successivamente fu Hans Selye, medico austriaco dell’Università di Montreal, ad essere considerato il padre fondatore delle ricerche sullo stress e a lui va il merito di aver portato alla luce il fenomeno e di averlo sottoposto alla comunità scientifica.

I SINTOMI PIU' COMUNI, DOVUTI ALLO STRESS, SONO:

Sintomi fisici: mal di testa, mal di schiena, indigestione, tensione nel collo e nelle spalle, dolore allo stomaco, tachicardia, sudorazione delle mani, extrasistole, agitazione, problemi di sonno, stanchezza, capogiri, perdita di appetito, problemi sessuali, fischi alle orecchie

Sintomi comportamentali: digrignare i denti, fame nervosa, più frequente assunzione di alcolici, atteggiamento critico verso gli altri, comportamenti prepotenti

Sintomi emozionali: tensione, rabbia, nervosismo, ansia, pianto frequente, infelicità, senso di impotenza

Sintomi cognitivi: difficoltà a pensare in maniera chiara, insicurezza, distrazione, preoccupazione costante, perdita del senso dell’umorismo, mancanza di creatività

E’ chiaro che le nostre giornate sempre più frenetiche e sovraccariche di impegni contribuiscono ad aumentare il nostro livello di stress ma lo sapevate che il conseguente affaticamento mentale e fisico consuma velocemente le nostre riserve di magnesio fino ad esaurirle?

Ebbene si, una delle principali cause di carenza di magnesio è lo stress. Il magnesio è un minerale antistress per eccellenza e può davvero essere di aiuto nella quotidianità sempre più snervante. Attenzione però, in caso di problematiche serie, rivolgetevi sempre ad un medico professionista.

E’ un minerale molto importante per il nostro organismo per l’attività del sistema nervoso e oltre che essere indispensabile per il metabolismo dei lipidi, proteine e glucidi, favorisce la produzione di energia.

Svolge un’azione distensiva e risulta efficace per sciogliere i crampi e rilassare le tensioni. Contribuisce al mantenimento di un Ph equilibrato nel sangue, regola il ritmo cardiaco e ha un’azione vasodilatatrice. Rafforza la formazione e crescita delle ossa.
Favorendo il rilassamento psicofisico, ci consente un buon sonno.

COME POSSIAMO ACCORGERCI DELLA CARENZA DI MAGNESIO?

Come abbiamo detto, essendo il magnesio fondamentale per il buon funzionamento del sistema nervoso centrale, una carenza di questo minerale potrebbe impedirci di affrontare al meglio le situazioni di stress a cui siamo continuamente sottoposti. In pratica, i sintomi da carenza di magnesio sono un particolare nervosismo generale con sbalzi d’umore e tensione, crampi, insonnia, stitichezza e tachicardia.

L’apporto giornaliero di magnesio attraverso l’alimentazione consigliato è circa 5-6 mg/kg di peso corporeo, che diventano 10 mg nelle donne in gravidanza e 15 mg nel bambino. Il fabbisogno di magnesio è influenzato dalla quantità di calcio, proteine, fosforo e vitamina D presenti nella dieta e aumenta in proporzione ai livelli di colesterolo presenti nel sangue.

QUALI CIBI CONTENGONO MAGNESIO?

Una curiosità, la clorofilla che come sappiamo è la sostanza che permette alle piante di trasformare l’anidride carbonica in ossigeno ed energia è composta anche di magnesio. Ecco spiegato il motivo per cui le verdure a foglia verde sono tra le fonti principali di questo prezioso elemento. Lo troviamo quindi in maggior quantità negli spinaci, nella bieta, nei carciofi e meno nei broccoli, cavoli e cavolfiori. Poi nei cereali in chicco interi come pasta e riso integrali (quelli raffinati ne perdono l’80%). Altra fonte importante di questo minerale sono i legumi in particolare i piselli, i fagioli neri, lenticchie e ceci; la frutta secca, mandorle, pistacchi e noci. La crusca, il cioccolato fondente, il cacao. La frutta, tranne le banane, i fichi, le pesche e l’avocado, è piuttosto scarsa di magnesio così come gli alimenti di origine animale.

Esistono anche ottimi integratori alimentari in grado di aiutarci ad assumere magnesio ma ricordate una cosa molto importante e cioè che non sono da intendersi come sostituti di alimenti, ma il loro uso deve essere sempre affiancato da una dieta equilibrata e da uno stile di vita sano.





Torna ai contenuti | Torna al menu