L’Eritritolo

Se mi segui su Instagram, sai che nei giorni scorsi ho parlato dell’effetto paradosso degli edulcoranti, il meccanismo per il quale alzano glicemia ed insulina, anche se a livello chimico non hanno nulla che vedere con lo zucchero da tavola.

Per questo consiglio sempre di non eccedere nel loro consumo: proprio per colpa di questo meccanismo, che la scienza ancora non si spiega, è possibile prendere peso ed accumulare massa grassa, per un consumo non controllato di prodotti contenti edulcoranti.

Esiste un’eccezione

Ed è rappresentata dall’eritritolo (E968), un polialcol privo di calorie e ad impatto glicemico nullo.

Ha una struttura chimica particolare, perché è un mix tra una molecola di zucchero e una di alcol ma di fatto non è né l’uno né l’altro.

In natura è presente nella frutta e negli alimenti fermentati, quello in commercio invece è ottenuto dalla fermentazione di compositi zuccherini, come il saccarosio, per azione di particolari tipi di lieviti.

È perfetto per i diabetici

Ha un potere dolcificante pari al 70% del saccarosio, il comune zucchero da tavola, ogni gr apporta 0,24 Kcal e non ha retrogusto.

Come dicevo prima, ha un indice glicemico pari a zero, perché il corpo umano non è in grado di degradarlo. Per questo motivo, una volta ingerito, l’eritritolo viene assorbito nel piccolo intestino, raggiunge la circolazione sanguigna e viene eliminato con le urine per circa il 90%, il restante 10% raggiunge il colon. Per questo il suo consumo non fà alzare né la glicemia né l’insulina e non ha neppure effetti nocivi neppure su colesterolo e trigliceridi.

Questo lo rende adatto sia a chi soffre di Diabete, sia a chi è Insulino resistente o soffre di Steatosi epatica.

Mantiene in salute anche i denti

A differenza dello zucchero e del miele, ma come tutti i polialcoli, é amico dei nostri denti.

Questo perché non può essere digerito dai batteri della nostra bocca, che non possono quindi cibandosene per ricavare energia e crescere indiscriminatamente, contribuendo all’erosione dello smalto e alla formazione di carie.

Addirittura diversi studi hanno dimostrato che, non solo non danneggia i nostri denti, ma svolge addirittura una sorta di prevenzione nei confronti della carie.

Antiossidante

Uno studio recente dimostra anche che l’eritritolo svolge un’azione antiossidante:  proteggere dallo stress ossidativo le cellule che rivestono i vasi sanguigni, risultando quindi protettivo in tutte quelle patologie in cui lo stress ossidativo è responsabile di danno tissutale, come il diabete.

Attenta all’intestino!

Mentre tutti gli altri dolcificanti creano disturbi intestinali, quando consumati in eccesso, l’eritritolo è meglio tollerato.

L’importante è che rispetti la la dose massima giornaliera: per i bambini è di 15 gr, per gli adulti è di 20-35 gr (circa 0.5-1 gr per kg di peso).

Più sicuro

Rispetto a tutti gli altri dolcificante artificiali, l’eritritolo sembra essere molto sicuro: studi effettuati sugli animali non ha mostrato effetti nocivi, neppure quando somministrato per lunghi periodi.

Direi che ti ho dato diverse informazioni perchè tu lo preferisca ad altri dolcificanti!

Scroll to Top
Torna su