Menu Chiudi

Il cetriolo

Originario dell’Asia e appartenente alla famiglia delle cucurbitacee, la stessa del melone, il cetriolo è un ortaggio con una serie di qualità veramente eccezionali.

E’ tipicamente estivo: lo si consuma da Giugno fino a Settembre inoltrato. La varietà più conosciuta si presenta con una forma allungata, la buccia verde scuro ricoperta di piccole protuberanze, la polpa interna di colore verde chiaro, piuttosto acquosa e dal sapore amarognolo, caratterizzata da semi bianchi.

Le piante di cetriolo sono essenzialmente due: quelle i cui frutti si mangiano freschi (cetrioli a fette) e quelle i cui frutti vengono messi in salamoia o sotto aceto. Questi ultimi sono generalmente più corti, mentre i primi, oltre ad essere più lunghi, hanno anche la buccia più spessa.

È un ottimo alleato per la salute

Contiene l’acido tartarico, la cui azione principale è quella di impedire ai carboidrati di trasformarsi in grassi: ecco perché è spesso consigliato nei regimi alimentari volti a perdere peso.

E’ un ortaggio ricco di acqua, particolarmente rinfrescante e depurativo, molto utile durante la stagione calda. Aiuta i reni ad eliminare più facilmente liquidi e tossine, migliora l’attività del fegato e del pancreas.

Contiene una buona quota di sali minerali, soprattutto potassio, ferro, calcio, silicio, iodio e manganese. Apportano anche vitamina C e vitamine del gruppo B.

In 100 grammi

Acqua  96.5 g
Proteine  0.7 g
Lipidi  0.5 g
Glucidi disponibili  1.8 g
Fibra alimentare  0.6 g
Energia  14 kcal
Sodio  13 mg
Potassio  140 mg
Ferro  0.3 mg
Calcio  16 mg
Fosforo  17 mg
Niacina  0.6 mg
Vitamina C  11 mg
Vitamina B1 0,02mg
Vitamina B2 0,03mg
Vitamina B3 0,60mg.

Per poter sfruttare al meglio tutti i benefici di questo prezioso alimento, ricordati che è meglio consumarlo crudo.

Non ti piace il sapore amarognolo?

Fai così! Taglia le estremità, strofinale sul sale marino con movimenti circolari finché non si forma una moderata quantità di schiuma, quindi rimuovila sotto l’acqua corrente e il cetriolo risulterà più dolce.

Se invece lo consumi senza buccia, il sapore amaro sparisce da solo perchè è dato proprio da una sostanza che si trova nella parte verde scuro, ma con lui perderai anche buona parte dei nutrienti di cui è ricco il cetriolo.

Fai fatica a digerirlo?

La causa è da attribuire alla presenza di fibre insolubili, come la cellulosa, pesanti da digerire per chi ha lo stomaco delicato. La digestione di queste fibre non avviene nello stomaco e nell’intestino tenue, ma a livello del colon quindi non sono neppure particolarmente consigliati a chi soffre di Colon Irritabile (IBS).

Nella cosmesi

Essendo ricco di zolfo, è indicato per curare la pelle: pensa che è in grado di schiarire le macchie dell’età, grazie alle sue proprietà decongestionanti!

Lenisce le scottature solari e, se usato con continuità, rappresenta una buona soluzione per “migliorare” le rughe. Avrai sicuramente visto in tv, delle donne con le fette di cetriolo sugli occhi. Ebbene, il motivo è da ricercarsi nella sua capacità di ravvivare lo sguardo e ringiovanire la pelle intorno agli occhi, donando un aspetto più fresco riducendo borse e occhiaie!

Questo frutto era conosciuto già nell’antichità dove veniva usato per abbassare la febbre e allontanare i vermi intestinali. Le proprietà cosmetiche invece, pare che nel 1500 fossero già note e che un medico di nome Pietro Mattioli lo consigliasse per rendere la pelle più bella.

In cosmesi, con la polpa si ottengono maschere per il viso rinfrescanti e idratanti, con i semi invece maschere tonificanti e rassodanti e con il succo impacchi lenitivi su pelli irritate.

Se vuoi provare una buona maschera fai da te per ridurre le rughe e rendere la pelle più luminosa, procurati dell’olio d’oliva, qualche goccia di limone e unisci la polpa di cetriolo tritata. E’ un trattamento che ha un’azione detergente ed è adatto anche alle pelli più sensibili!

Tre #ricettine per te!

TZATZIKI ALLA GRECA

Ti serviranno: un vasetto di yogurt greco, 1 cetriolo di medie dimensioni finemente grattugiato, 4 o 5 spicchi di aglio tritati finemente, il succo di mezzo limone, olio extravergine di oliva, sale marino integrale.

In una ciotola mescola il cetriolo, lo yogurt greco e l’aglio tritato. Emulsiona l’olio e il limone e aggiungi il sale. Mescola per bene tutti gli ingredienti e lascia insaporire per qualche ora in frigo, prima di servire.

RONDELLE DI CETRIOLO, CAPRINO E POMODORI PACHINO

Ti serviranno: 2 cetrioli di medie dimensioni, 1 confezione di formaggio morbido spalmabile di capra, 5 o 6 pomodorini pachino, pepe nero macinato fresco, erba cipollina, olio extravergine d’oliva.

Lava e sbuccia i cetrioli, tagliali a rondelle di circa un centimetro di altezza, disponi il formaggio caprino su ogni fettina di cetriolo, magari aiutandoti con un sac à poche. Taglia a fette i pachino e mettile sulle rondelle di cetriolo. Cospargi con un po’ di pepe, un filo d’olio e aggiungi dell’erba cipollina.

INSALATA CETRIOLI & PERE

Ti serviranno: 2 cetrioli di medie dimensioni, 2 pere, 200 g di feta, 1 limone, olio extravergine di oliva, 1 cucchiaio di aceto balsamico, timo fresco, sale, pepe.

Lava, asciuga e taglia a fettine sottili i cetrioli, senza sbucciarli. Lava, asciuga e taglia le pere a fettine sottili, irrorandole con il succo di limone filtrato. Disponi sul piatto da portata una corona di fettine di cetriolo, sovrapponi uno strato di fettine di pera fino al termine degli ingredienti. Aggiungi la feta a dadini, cospargi con foglie di timo e condisci con una vinaigrette di olio emulsionato con l’aceto balsamico, sale e pepe.

Et voilà….tre ricettine belle fresche!