Menu Chiudi

Ricette con il miele

Le tipologie di miele sono tante e questo a volte può metterci in difficoltà nella scelta soprattutto se non sappiamo riconoscere la qualità di ciò che preferiamo. Il fattore principale per capire se stiamo acquistando un prodotto naturale è senza dubbio la cristallizzazione del miele oltre alla lettura dell’etichetta.

È una caratteristica propria del miele e un processo del tutto naturale legato alla sua composizione chimica che varia a seconda della tipologia con tempi e modalità. La cristallizzazione dipende dal quantitativo di zuccheri e acqua presenti nel miele e anche da alcuni fattori esterni.

Ricorderete che abbiamo detto che gli zuccheri presenti nel miele sono glucosio e fruttosio, ecco, questi due elementi sono concentrati in maniera diversa a seconda del tipo di miele. Il glucosio è meno solubile in acqua rispetto al fruttosio perciò più alto sarà il contenuto di glucosio e maggiore sarà la tendenza alla cristallizzazione.

Pensate che in alcuni mieli c’è talmente tanto glucosio da essere già solidificati direttamente nel favo come per esempio il miele d’edera. I mieli con più fruttosio invece tendono a rimanere più liquidi come il caso del miele d’acacia. Per capire se un miele si cristallizza facilmente, si valuta il rapporto tra fruttosio e glucosio che deve essere inferiore a 1,3 affinché il miele si cristallizzi più lentamente.

Un altro fattore da tenere in considerazione è la quantità di acqua presente nel miele. L’acqua permette di raggiungere la stabilità ma per ottenere un prodotto ottimale non si può certo aggiungere acqua a caso e quindi la percentuale di acqua deve essere compresa tra il 18% e il 16%.

Invece per quanto riguarda i fattori esterni, fondamentale è la temperatura. La cristallizzazione avviene tra i 5 e i 25 gradi con il picco intorno ai 14.

Una volta cristallizzato, il miele possiamo farlo tornare liquido mettendolo a bagnomaria, a una temperatura di circa 40°C oppure semplicemente tenendolo fra le mani o posizionandolo vicino ad una fonte di calore come il calorifero o un camino, l’importante è non sottoporlo a temperature troppo elevate perché rischiamo di rovinarlo alterandolo completamente.

In cucina è un prodotto fantastico, si presta a molteplici preparazioni, oggigiorno è diventato piuttosto usuale abbinare il miele ai formaggi ma lo si può utilizzare anche per ricette elaborate, dagli antipasti e primi piatti fino ai secondi di carne o pesce.

Il miele è perfetto anche per marinare la carne cruda o il pesce, in sostituzione del limone o dell’aceto. Può essere adoperato per preparare salse agrodolci da accompagnare alle pietanze o per caramellare cipolle, glassare la carne o le verdure. Un accostamento vincente è quello con la senape.

COME ABBINARE I VARI TIPI DI MIELE

Il miele di Acacia è l’ideale come sostituto dello zucchero per dolcificare caffè, tisane, tè o nello yogurt o con i formaggi.

Il miele di Castagno è particolarmente indicato con i formaggi, con la selvaggina o con la ricotta fresca.

Il miele di Lavanda è buonissimo con i formaggi dal sapore forte come il pecorino.

Il miele d’Arancia sta molto bene nei dolci specie quelli da forno, nello yogurt o nelle frittate e nelle insalate fresche primaverili.

Il miele di Tiglio si accompagna molto bene con il tè e le tisane

Il miele di Sulla viene utilizzato soprattutto nella preparazione di torroni.

Il miele di Tarassaco è ottimo con la macedonia di frutta, con una torta a base di nocciola o con formaggi di media stagionatura.

Il miele di Erica si abbina molto bene ai formaggi stagionati.

Il miele di Rosmarino è fantastico con il formaggio di capra e in Italia viene prodotto soprattutto in Puglia e Sardegna.

Ora veniamo al nostro gradito Recipe Time!!!

INSALATA DI MELONE E FETA

Ti serviranno per 4 persone: 1 tazza di melone tagliato a cubetti, 1 tazza di pomodorini tagliati a metà, 2 cetrioli tagliati a fette sottili, ½ tazza di formaggio feta a cubetti, ¼ di tazza di menta fresca tritata grossolanamente, ¼ di tazza di olio extra vergine d’oliva, un pizzico di peperoncino, miele, succo di limone, sale marino, pepe nero macinato al momento.

Metti il melone, i pomodori, i cetrioli, la menta e la feta in una terrina. A parte, in una piccola ciotola, emulsiona l’olio extravergine con il peperoncino e il miele e condisci l’insalata. Aggiungi sale, pepe nero, succo di limone e mescola bene. Se usi il melone giallo, apprezzerai quest’insalata anche nel periodo invernale.

SPAGHETTI CON IL MIELE

Ti serviranno per 4 persone: 360 g di spaghetti, 250 g di miele, 250 g di pangrattato, 250 g di mandorle tritate, cannella, scorza d’arancia.   

Questa è una ricetta siciliana. Tosta il pangrattato in una padella larga e riscaldata. Non ci vuole molto, solo qualche minuto, mescola di continuo e fai attenzione a non bruciarlo. Trita le mandorle con la loro pellicina e tostale in padella. Taglia a strisce sottili la scorza di arancia ben lavata e pulita e mettila in forno per qualche minuto, su una teglia con della carta da forno. Lessa gli spaghetti in abbondante acqua salata e scolali al dente. Mescola in una ciotola il pangrattato e la mandorle tostate. Nella padella in cui hai tostato le mandorle, fai sciogliere il miele, aggiungendo mezzo bicchiere di acqua di cottura della pasta. Mantieni il miele liquido e scaldalo a fiamma bassissima per pochi minuti. Manteca gli spaghetti nella cremina al miele, poi unisci il pangrattato, le mandorle e una spolverata di cannella.

PETTO DI POLLO AL MIELE

Ti serviranno: 500 g di petto di pollo, 1 cucchiaio di rosmarino tritato, 1 spicchio d’aglio, 100 g di miele di acacia, 4 cucchiai di succo di limone, sale qb, pepe qb.  

Disponi le fette di petto di pollo in un unico strato in una teglia da forno e aggiungi sale e pepe. In una ciotola sbatti insieme il succo di limone e il miele, unisci l’aglio e il rosmarino tritati e versa questa miscela sui petti di pollo. Inforna la teglia nel forno già caldo a 180 gradi per circa 40 minuti.

CROCCANTE AL MIELE E NOCI

Ti serviranno: 30 g di burro, 125 g di miele (scegline uno dal sapore delicato), 100 g di noci, 3 cucchiai di semi di sesamo (facoltativo)

Fai fondere il miele e il burro in una casseruola e poi fai raggiungere l’ebollizione, a questo punto continua la cottura per circa 15 minuti, o comunque fino a quando il miele avrà assunto un bel colore ambrato scuro. Usa un pentolino dai bordi alti per evitare eventuali schizzi di miele bollente. Togli dal fuoco ed unisci le noci e se ti piacciono, i semi di sesamo, mescola per bene il tutto. Stendi il composto su una placca da forno e lascialo raffreddare completamente. Una volta freddo, fanne dei pezzi e conservali in un contenitore di vetro a chiusura ermetica oppure in sacchetti per alimenti ben sigillati.

Quanta dolcezza…un bel programmino, non vi pare?