Menu Chiudi

Il melograno

Il melograno è una pianta millenaria di origine asiatica appartenente alla famiglia delle Punicaceae, diffusa nei paesi del Mediterraneo fino all’estremo oriente. Il frutto di questa pianta è la melagrana nonostante ci sia l’abitudine da parte di molti di chiamarlo come l’albero. Il termine deriva dall’espressione latina “malum-granatum” che tradotto in italiano significa “mela con semi”.

Il melograno è una vera prelibatezza della stagione autunnale e grazie alla sua buccia robusta che riveste i semi all’interno, si conserva bene fino al periodo natalizio.

Con il tempo e tra miti e leggende, il frutto del melograno ha acquisito la fama di cibo portafortuna ed è diventato un assoluto protagonista e vero e proprio elemento insostituibile del periodo delle feste di Natale. Oltre ad essere gustoso e buonissimo è anche l’ideale per creare raffinate decorazioni natalizie per la tavola e per la casa.

Un tempo donare un melograno in questo periodo e consumarlo la notte di San Silvestro era considerato di buon auspicio per il nuovo anno e questa tradizione è rimasta anche oggi. Pensate che è considerato il re dei frutti grazie al suo particolare picciolo a forma di corona!!!

Possiamo credere o meno alle numerose storie ricamate intorno a questo meraviglioso frutto ma certamente non ci sono dubbi sulle sue innumerevoli proprietà benefiche.

Il melograno è un frutto di forma rotonda, poco più grande di una mela con una buccia molto resistente e strutturata per proteggere i suoi chicchi all’interno che sono la parte commestibile.

E’ l’ideale da consumare in autunno perché rinforza e aiuta il nostro sistema immunitario ad affrontare i freddi invernali.

I semi prodotti dal melograno sono nutrienti eppure poveri di calorie, contengono acqua (80%), zuccheri (13%), fibre (3/4%), proteine (1%) e grassi (0,5-1%). All’interno dei chicchi di melagrana ci sono sali minerali, il primo è il potassio ma si trovano anche ferro, sodio, magnesio, tracce di manganese, zinco e rame. Sono soprattutto ricchissimi di vitamine e polifenoli grazie ai quali il melograno vanta proprietà antiossidanti, antitrombotiche e vaso protettrici.

Le vitamine contenute quindi sono il vero punto di forza di questo frutto.

Contiene alte percentuali di vitamina C, è ricco di vitamina K, di vitamine del gruppo B, vitamina A e vitamina E. Dai granelli si può ricavare quindi un succo ricchissimo di proprietà, ottimo rimedio per combattere le influenze stagionali e utile contro l’invecchiamento.

La presenza di fibre rende il melograno un frutto molto valido per contrastare la stitichezza in modo naturale e per avere un transito intestinale più attivo. E’ un eccellente frutto energetico e grazie alla vitamina C, oltre ad occuparsi del nostro sistema immunitario, è molto efficace nella combustione del grasso in eccesso.

Validissimo diuretico, aiuta ad espellere l’esubero di liquidi prevenendo anche la comparsa della pelle a buccia d’arancia.

Le proprietà non sono finite qui, perché il melograno è anche un antinfiammatorio molto potente. Viene utilizzato anche nella cosmesi per eliminare l’acne sul viso. Un consumo costante di questo prodotto aiuta a mantenere regolari i livelli di colesterolo cattivo e trigliceridi proteggendo di conseguenza anche il cuore.

La natura ci mette a disposizione molti alimenti preziosi ma è importante sottolineare che da soli non possono fare miracoli, vanno inseriti in una dieta sana ed equilibrata insieme alla giusta attività fisica.

Natale è passato ma ricordiamoci che il melograno non è solo un bellissimo elemento decorativo!!!

Si mangia in purezza o spremuto per ottenere succhi dissetanti ma ha anche tantissime altre applicazioni in cucina, dalle più semplici alle più sofisticate. I granelli del melograno si possono usare per comporre insalate, per fare golose gelatine, granite o marmellate. Lo sciroppo di melograno si chiama granatina ed è alla base di molti cocktails, anche l’abbinamento con la carne è eccezionale.

Esiste anche l’olio di melograno che si ottiene per spremitura a freddo dei piccoli semi bianchi che sono quelli rimasti dopo l’estrazione del succo e la separazione della polpa. Il risultato è un concentrato di acidi grassi in cui sono presenti numerosi composti di polifenoli ed è per questo motivo che è adoperato anche per la preparazione di creme cosmetiche oltre che come integratore alimentare o condimento.

Quando comprate un melograno assicuratevi che abbia sviluppato il suo classico colore per essere sicuri della sua maturazione e provate a batterlo, dovrà produrre un suono metallico. Lo potete conservare a lungo proprio come le mele.

Il melograno non è facilissimo da sbucciare e ci sono diverse tecniche, io ne ho vista una e vi spiego di cosa si tratta.

Prendete il frutto e massaggiatelo facendolo rotolare avanti e indietro su un tagliere, poi togliete il picciolo tagliandolo alla base. Tagliate il frutto a metà parallelamente al picciolo e con il dorso di un cucchiaio battete ripetutamente sulla buccia delle due metà. I semi dovrebbero staccarsi facilmente.

Cari Amici, auguro a tutti voi Buon Anno…che sia luminoso!!!

Quale occasione migliore per brindare insieme a voi con un cocktail a base di melograno!!!

Vi lascio la ricetta e vi do appuntamento al prossimo articolo per il nostro Recipe Time.

COCKTAIL AL MELOGRANO

Ti serviranno per una caraffa: 700 ml di prosecco, 200 ml di succo di melagrana, 1 melagrana, 1 arancia, qualche fogliolina di menta, qualche cubetto di ghiaccio (facoltativo).

Preleva i semi dalla melagrana. Lava con cura l’arancia e tagliala a fette molto sottili. Metti il prosecco nella caraffa insieme al succo di melagrana e miscela.

Unisci i semi del frutto, le fettine d’arancia, le foglioline di menta e se lo gradisci, qualche cubetto di ghiaccio.

Preparati i bicchieri e buon brindisi!!!